Amo la mia terra, la mia Sicilia bedda

Liberi di Essere

Questo canto è un inno d’amore di un emigrante costretto a lasciare Sicilia, famiglia e affetti; il loro ricordo supera, però, la barriera dello spazio e del tempo. Di Pittari e Vancheri.

sicilia

Sicilia bedda(siciliano)

Da st’isula nu jornu partivu, era china di suli
Pi fari fortuna lassavu me matri e l’amuri
Girannu lu munnu si parlu di tia mi vantu
Ma quannu taliu lu mari pi nun chianciri cantu.

Sicilia bedda,nun ti pozzu chiù scurdari
Si ti lassavu terra mia m’ha pirdunari
T’aju tinutu sempri dintra lu me cori
Nun passa jornu ca nun pensu di turnari.

Ricordu ‘u primu amuri
La terra ca mi fici
La gioventù, me matri
e tutti li me amici.

Sicilia bedda nun ti pozzu chiù scurdari
Granni è st’amuri
Quantu granni e profunnu lu mari.
Ma quantu su beddi Nu-Yorki, Berlinu e Milanu
Ma quantu chiù duci è la vuci di nu paisanu

View original post 231 altre parole

Annunci